Home page » Blog » Piatti tipici romani, quali sono le specialità da gustare

Piatti tipici romani, quali sono le specialità da gustare

Piatti Tipici Romani
Piatti Tipici Romani

Ad ogni regione e città sono legate delle usanze, tradizioni e anche delle specialità culinarie. Anche alla Capitale sono legati dei piatti tipici romani molto gustosi che meritano di essere assaggiati almeno una volta nella vita. Ma, quali sono? Qui di seguito sarà possibile trovare la risposta a questa domanda.

Piatti tipici romani

Le ricette della cucina romana vengono spesso definite ‘non molto raffinate’. In realtà però queste prevedono l’utilizzo di ingredienti assolutamente genuini ed inoltre vengono preparate con molta passione. Non stiamo parlando di un semplice piatto ma di diverse pietanze che possono essere ben suddivise in antipasti tipici romani, primi piatti e secondi piatti ma anche dolci e spuntini vari.

Tra gli antipasti tipici romani vi troviamo:

  • il tortino di alici e indivia: questo è considerato un piatto tradizionale della città di Roma al quale sono legate radici ebraiche. Non tutti sanno quindi che si tratta di una piatto che fa parte della cucina ebraico-romanesca;
  • coppiette: questo termine viene utilizzato per far riferimento a delle strisce di carne stagionata ed essiccata condita con sale, peperoncino e spezie varie. Il consiglio è quello di gustarle come antipasto insieme ad un buon bicchiere di vino;
  • ricotta e pecorino.

Primi e secondi piatti tipici romani

Numerosi sono sia i primi che i secondi piatti tipici romani. Tra i primi meritano di essere citati:

  • Bucatini all’amatriciana: questo è considerato un grande classico della cucina romana. Gli ingredienti principali utilizzati sono i bucatini, il pomodoro, il guanciale e per concludere il pecorino. Esistono poi varie interpretazioni della ricetta originale che riguardano le diverse proporzioni tra questi quattro ingredienti. Si tratta quindi di un primo piatto semplice da preparare, economico ma davvero molto gustoso;
  • Rigatoni con la pajata: questa specialità prende il suo nome dalla pajata, termine con il quale viene indicato l’intestino di un vitello non svezzato. E quindi alimentato solamente con il latte materno. L’ingrediente base utilizzato è la salsa di pomodoro arricchita poi dalla pagliata;
  • Tonnarello cacio e pepe: piatto molto famoso per la cui preparazione servono pochissimi ingredienti. Nello specifico questi sono il pepe nero, il formaggio pecorino e la pasta. Nel caso specifico il tonnarello. Si tratta quindi di un piatto preparato con ingredienti poveri e facili da trovare;
  • Spaghetto o rigatone alla carbonara: piatto preparato con ingredienti popolari ma molto gustosi. Nello specifico questi sono la pasta, rigatoni o spaghetti, uova, pecorino, guanciale o pancetta, sale e pepe.

Potrebbe interessarti anche: Architetture Roma: alcune opere moderne da vedere

Piatti Tipici Romani
Piatti Tipici Romani

Tra i secondi piatti tipici di Roma, invece, occorre citare:

  • trippa alla romana: con tale espressione si fa riferimento ad una ricetta piuttosto antica che tradizionalmente veniva preparata durante il pranzo del sabato. La trippa alla romana viene preparata nello specifico con la menta e poi condita con il pecorino romano;
  • coratella di abbacchio con carciofi: è importante chiarire che questa pietanza è difficile da trovare. Il periodo migliore è la primavera.

Poi ancora baccalà, alici, broccolo verde ecc.

Richiedi un preventivo gratuito

Nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Cellulare (richiesto)

Data evento (richiesto)

Numero di persone (richiesto)

Richieste particolari

Autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi della legge 196/2003

WhatsApp Contattaci su WhatsApp